FUORI TEMA: NATALE

Se c’è una cosa che mi da fastidio è il natale.
Non lo sopporto, m’incupisce e mi rende fragile.
Ma se c’è una cosa buona, è che in due giorni mi passa.
Natale, poi santo Stefano, e basta, finito tutto.
Solo che da me funziona così: bisogna iniziare a pensarci almeno da ferragosto, al natale, già dopo la pasqua diventa l’argomento più gettonato, e la cosa, onestamente, mi sta alquanto fracassando le palle.
È la Signora Incontrastata delle Nevi Perenni che parla, ha preso il sopravvento la mia parte più individualista e cinica, e non sono totalmente contraria che lei regni sovrana sulla mia parte emotiva e irrazionale.
Mi ha fatto comodo tante volte essere fredda e distaccata, mi è servito a sopravvivere.
La Regina di cui sopra passerebbe volentieri le vacanze natalizie al freddo, sulla neve, anche da sola piuttosto che con la proverbiale cattiva compagnia, anche da sola pur di non cedere all’emotività, a quella parte di me che vorrebbe un natale col tacchino e la tombola, gli abbracci dei familiari, gli affetti reali, tangibili che possono esistere nelle famiglie.
Nulla a che vedere con quei natali della pubblicità, quelli finti, con i sorrisi finti e le felicità finte.
Io davvero vorrei un natale semplice e carico d’affetto.
Ma così non può essere.
Mi serve la mia Fredda Regina, mi serve perché se no sento piegarsi le gambe e spezzarsi il cuore. E la mia fantasia, a cui di solito mi aggrappo con tutto il peso, che sempre mi rende più leggera e più disponibile alla felicità, la mia fantasia non può sopperire a questo, non ne ho abbastanza.
Sapeste il groviglio che mi graffia le pareti del cuore.
È fatto di tristezza e di senso di colpa e di bisogno di sentirsi ancora figlia e necessità di imparare a camminare con le mie gambe.
Fatemi un regalo, per natale facciamo finta che sia già primavera.

Annunci

159 Pensieri su &Idquo;FUORI TEMA: NATALE

  1. Dillo a me che non più i miei genitori e mia sorella maggiore e’ praticamente sparita dopo aver preso quello che poteva senza alcun ritegno.
    ora non è ne migliore ne peggiore di prima, solo diverso.
    Le situazioni intorno cambiano, non resta che adeguarsi tesoro.
    Abbraccio sotto il vischio:)

    Mi piace

  2. A primavera c’è Pasqua. Meno invadente del Natale, ok, ma pur sempre programmata e gettonata. Il Natale mi fa un effetto strano. Non vedo l’ora che arrivi così finisce subito. Odio cordialmente il capodanno quello si. Feste obbligate! Tristissime

    Mi piace

  3. Minchia Vettro
    (Cit. da un vecchio personaggio della Litizzetto)
    Sono pochi coloro a cui piace il Natale dopo i 14 anni (quando speri che ti regalino il motorino), però non ci puoi già scartavetrare gli zebedei tre mesi prima! …e pensa che tra Natale e fine anno c’è pure il mio compleanno ….sai che allegria!!

    Mi piace

  4. Tutti noi siamo fatti dell’una e dell’altra cosa. Fredda razionalità e fantasia, sogno…cuore. “Questo e quello”, come mi piace dire. Non credo sia un problema. Arrivo addirittura a pensare che il groviglio tra di loro sia necessario. Ma proprio per questo non ti farò quel regalo. Il Natale arriverà, e piacerà ad alcuni. Ad altri, me incluso, meno. Sopravvivrai… sopravvivremo. E magari prima o poi ci abitueremo. O forse no. Fine commento serio.
    Scherzi? Il Natale è bellissimo! Sai che felicità… quando sarà passato?

    Mi piace

  5. Dici che da te funziona così: se ne incomincia a parlare a Ferragosto.
    Uhmmm, suona piuttosto minaccioso! Ma “da te” nel senso di tra te e te, o nel senso di personcine esterne che gravitano nel tuo spazio vitale?
    Dal momento che l’unica cosa bella del Natale, come dici tu, è che se ne va affanculo (mi si permetta) con Santo Stefano in due dì, perché non tirar fuori la parte belluina che c’è in te e ricoprire di colorite invettive coloro che osano nominare la festosa iattura quando ancora si indossano le mezze maniche?

    Mi piace

      • Una specie di cura preventiva…come quando si somministra una piccola dose di veleno quotidiana, fino arrivare all’assuefazione. Il veleno è una mia fissazione!
        Comprendo che la ricorrenza non sia per te soltanto un fastidio nei confronti della banale vetrina. Rispetto ed empatizzo.

        Mi piace

  6. Ho sempre adorato il Natale e fa parte delle belle cose della vita. Ricordo da bambino l’agitazione della vigilia, da ragazzo la messa in Duomo dopo la serata in piazzale Beccaria, il pranzo con zii e cugini. I più belli sono stati quando avevo i bimbi piccoli e i vecchi erano ancora giovanotti . Adesso i Natali sono più malinconici ma i ricordi rimangono e la tradizione continuerà. Al solo pensiero mi viene fame!
    P.s. L’unico regalo che posso farti è convincerti che la vita può cambiare, basta volerlo e ignorare un problema non è la soluzione. Da qui a Natale ti darò il tormento!

    Mi piace

  7. Mi sento anch’io così, a Natale e non solo. Il desiderio di sentirsi ancora figlia, e nipote. Ci soffro sempre un po’ specie in quel periodo, ma lo amo comunque, il Natale. Con tutte le sue contraddizioni e le finte gioie imposte. Non so perché, sarà la nostalgia.

    Magari cerca di non pensarci già da ora! 🙂

    G.

    Mi piace

  8. Solo un abbraccio forte forte, per riscaldare un po’ la fredda regina. Se poi decidessi di passare il natale nella città eterna, un posto in più a tavola è già pronto (ti avviso prima però…tra il 24 notte, il 25 a pranzo e il 26 non ci si alza da tavola se non per andare in bagno!)

    Mi piace

  9. Cazzo non lo diresti mai eh?
    Il Lupo il natale l’adora, anche se tutti hanno fatto di tutto per farmelo odiare.
    Ma quel giorno lì e soprattutto la vigilia il mio bieco cinismo si sgretola e solo per poco riesco a tornare bambino.
    Per poco.

    Mi piace

    • Ah! Lupo! E dicci un po il segreto, no?!? Che ce lo facciamo piacere pure noi.
      Albè non fa testo, lui s’embriaca con il liquore per farcire il panettone, ma noi, come si fa noialtri a sopravvivere! Una colossale sbronza di 48 ore?? Dimmi lupo, non è che poi se ne pagano le conseguenze fino al natale prossimo?

      Mi piace

  10. E’ solo il 10 di settembre, ma fanno presto ad arrivare quei due giorni lì.
    Personalmente risolvo andandomene via in vacanza al caldo fino alla befana, così c’inserisco anche l’ultimo dell’anno e ho risolto 4 festività.
    Dovresti provare….

    Mi piace

  11. La cosa che più mi piace di questo post, sono i commenti. Che nulla centrano col post originale! Io amo il Natale. Ma dopo 40 Natali, mi verrebbe bene anche andare al mare, una volta tanto ;D

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...