IL VECCHIO SAGGIO

Altro che Bridget Jones.
Se lei, sbadata com’è, si versasse un bicchiere di vino addosso, arriverebbe subito Mr. Darcy a tamponare col fazzolettino e gira che ti rigira, nonostante i mutandoni contenitivi, si arriverebbe al dunque.
Io, quando mi sbrodolo col negroni, faccio immancabilmente la figura dell’alcolizzata e mi rimane un macchione che non va via nemmeno col Bio Shout. Ma nessun Mr. Darcy all’orizzonte.
“È che non puoi puntare tutto sulla simpatia”, mi fa notare Il Vecchio Saggio.
Mavaffanculo, dico io.
E penso le seguenti cose

1 se sei gnocca e simpatica hai vinto la lotteria. Che ve lo dico a fare.

2 se sei un cesso e simpatica non ti si fila nessuno, ma ti chiedono il numero di telefono della tua amica gnocca e simpatica.

3 se sei media e simpatica ti offrono birre e negroni come fossi un compagno di bevute, ti danno certe pacche sulle spalle che nell’immediato fai fatica a ritrovare il baricentro, si mostrano in mutande: tanto è come star con la sorella in bagno.

Il comune denominatore è la simpatia.
La bellezza, o la sua assenza, è il peso relativo che aggiunge, o toglie, qualcosa al quadro generale. Ed è un peso mica da ridere. Oggettivo o soggettivo che sia.
Puntare tutto sulla simpatia è una mano persa in partenza.
Perciò si beve. Capito? La bellezza è una truffa organizzata dai produttori di alcolici.

Annunci