AH! UN ENORME, GIOIOSO AH!

Se c’è ancora una cosa a sto mondo che ancora mi fa credere all’amore è vedere due persone che si annusano quando tornano a casa la sera, e lo fanno da tutta la vita.
Abbaiano anche, a volte.
Che di solito mi fa pure un po senso, ma mi fan sorridere sempre.
Un sorriso che è puro affetto, e che mi rimanda sempre indietro amore.
(Potrete mai perdonarmi R. e R. per questa divulgazione fuori controllo? E’ dettata solo dal profondo affetto.)
Due che son sposati da tutta la vita, che hanno i loro alti e bassi, che son belli e mi vogliono bene.
Ecco, questo e amore.
No, AMORE.
Si, tutto maiuscolo.
Se, ad oggi, ancora credo all’amore è grazie a queste due persone che si amano, che mi danno affetto.
E’ l’amore “giusto” quello che provano loro.
Quando dico che l’amore non basta, come in un mio recente post, loro lo sanno bene cosa intendo, e hanno sempre applicato questa piccola verità al loro rapporto, alla loro vita insieme.
Se l’amore non esiste, loro sono la mia personale eccezione che conferma la regola.
Oggi ho imparato regolette nuove!
1 l’amore vuole indietro amore.
2 l’amore venduto a buon mercato, non perde il suo valore, lascia
solo, all’incauto compratore, la stessa aridità che aveva prima.
3 ci vuole impegno e passione e costanza e mila e mila altre cose
perché due persone possano essere felici insieme.
4 ergo, l’amore non basta.

P.S. Frogman è solo per voi.

Annunci

E STI CAZZI

Trecento euro per il meccanico, non sono pochi. Certo, mi ha risolto il problema, spero, posso continuare a usare il marcione con relativa sicurezza. Quindi, passino i trecento euro, quello che mi ha fatto veramente, profondamente incazzare e’ stato l’euro di “multa” richiestomi all’atto del pagamento della fattura. Ora mi spiego, arrivano Gianni e Pinotto con fattura alla mano e mi spiegano quanto sia stata fortunata a trovare due meccanici bravi come loro, pazienti, han trovato dei pezzi di ricambio da un’altra vettura, sa com’è le poteva andare peggio, poteva arrivare a spendere anche il doppio. Ok, no problem. Anche perché io non ci capisco veramente una mazza di automobili, avrebbero potuto recitarmi a memoria il quattro ruote di sto mese, per me sarebbe stato come dare delle testate al muro: completamente inutile. Indi per cui, ti fidi. Perche del meccanico ci si fida. Un po’ come andare dal dottore, ti butti, speri che ti aiuti, insomma, fai un atto di fede. Tanta e’ la mia stima nei meccanici. Quindi, reazione immediata al discorsetto dei Mitici Fratelli Meccanici: e sti cazzi! Quantomeno ragionevole replica all’esosa richiesta di denaro. Gianni e Pinotto non fanno una piega, firmo fattura, e mi porgono un vaso di vetro tipo bormioli, di dimensione extra, pieno fin quasi all’orlo di monetaglia. Ah, allora ci siamo, allora il mondo non ha smesso di girare nel senso giusto. E sti cazzi..