DI SERATE COME QUESTA

Per fortuna esistono serate come questa, in cui il disfattismo si dissolve come il fumo di una sigaretta. Letteralmente, tremo di fiducia. Perché la temperatura esterna non è tale da giustificare questa vibrazione che parte dallo stomaco e s’irradia per tutto il corpo. Quindi è fiducia. Speranza, volontà e coraggio.
O forse non ho più quel legame forte e speciale che avevo una volta con le mie sinapsi cerebrali, non lo so, ma fa poi così differenza? E devo aggiungere che il tremore non è nemmeno così intenso, ci sono sempre i limiti oggettivi che anche la fiducia più cieca incontra, c’è sempre la coscienza dei reale che esplode e fa danni al contatto con la realtà, quindi anche questa fiducia parziale che ho, è pur sempre un bicchiere mezzo pieno e quindi va bene così.
E io la posso anche spiegare questa mia fiducia, bene o male ci riesco, e qualcuno che la capisce c’è e ne sono felice, ma che me ne faccio, qui, da sola, di tutto questo credito positivo con cui guardo al domani. Io l’ho spiegato, tu l’hai capito. E ognuno per la sua strada.
Tremo di fiducia e non c’è nessuno con cui condividerla. Che spreco.
Ma il problema non è nemmeno la dispersione di tutta questa energia positiva, il problema è che non ce ne sono così tante di serate come questa.

Annunci

LOVE IS

Io m’innamoro con poco.
Una piccola attenzione solo per me, due mani che mi accarezzano il volto, proprio tra le guance e il collo, un bacio che finisce appena vicino alle labbra, un sms tipo: quando parti fammi uno squillo che calo la pasta.
Questo è amore.